According to ARM one of the Benefits of using Microcontrollers – no GPL

The success of the Arm architecture is based of free-as-in-freedom software. GPL is one the major free-as-in-freedom license. I don’t understand why they bash one the reason of their success

olimex

LOL I’ve not read something so ignorant for years 🙂
Hello guys! There is no restriction closed source software to run on Linux, it’s other thing if somebody will decide to use such software on this OS where everything is open.

View original post

Myths and Facts pt.1

BSD, the truth

Myth
The BSD license does not prevent incorporation of code into proprietary software which makes it more free then the GPL which does.
Fact
By failing to prevent the incorporation of code into proprietary software, the BSD license effectively strips the freedom of the users of proprietary derivatives the software. The GPL in contrast ensures users of all derivatives of the software have retain their freedom.

Myth
The copyright on BSD license cannot be changed or removed as the BSD license does not allow it.
Fact
The BSD license says you must retail the copyright but can modify the code. One can take the copyright and remove/change it under the protection of the modify act and thus effectively removing the copyright and the BSD license. The code no longer belongs to the old copyright owner who put the BSD license on it. The new copyright own now has the right…

View original post 360 altre parole

Un bel tacer mai scritto fu

Pro-Test Italia

Destinazione dei fondi Telethon 2013 Nel 2013 Telethon ha destinato il 77% dei fondi raccolti al supporto delle attività di ricerca.

No: nonostante il titolo tratto da “Il ritorno di Ulisse in patria”, oggi non parleremo di un’opera lirica ma di ricerca (anche se quello che commenteremo sembra molto tratto da un melodramma di infima categoria). L’invito a tacere sembra però molto adatto alla situazione di cui ci occuperemo oggi. Ci segnalano infatti un comunicato della LAV che avrebbe potuto essere sostituito molto più egregiamente da un più decoroso silenzio. La nota associazione animalista, a firma della Dott.ssa Kuan, titola che

Telethon […] non tutela i malati […] ma solo le “proprie tasche”1

a questo titolo segue una serie di affermazioni (in parte originali e in parte quotate da una dichiarazione (non referenziata, come di costume delle associazioni animaliste e della Dott.ssa Kuan in particolare, che probabilmente è allergica ai riferimenti bibliografici) di J. Testart…

View original post 959 altre parole

Entrano nella riserva indigena “per sbaglio” e tagliano l’albero più antico del mondo

Paoblog.net

Ma che vuoi dire quando leggi certe notizie? 😦

leggo su Rinnovabili.it

L’ultimo crimine della deforestazione illegale si è consumato al confine tra Perù e Brasile, nel cuore della foresta amazzonica.

Taglialegna di frodo si sono infiltrati nella Matsés Indigenous Reserve , una zona dove segare piante è illegale. Le organizzazioni per la conservazione della natura e le comunità indigene si sono infuriate, perché il gigantesco albero Samauma, alto 40 metri, aveva 5.800 anni.

Lo dimostravano i cerchi concentrici del tronco, visibili a tutti dopo l’abbattimento. Era una parte importante dell’universo culturale delle tribù native.

Deforestazione-tagliato-l’albero-più-vecchio-del-mondo-

Anna Golding, ricercatore locale per il gruppo Rainforest Protection Coalition (RPC) – una iniziativa derivante da Berkeley University in California – ritiene che l’incidente sia stato intenzionale:

«Ci ​​sono grandi porzioni di questa riserva nazionale ricche di petrolio e gas naturale. Le compagnie energetiche si sono prodigate per fare pressione sul governo e ottenere la possibilità di…

View original post 88 altre parole

Una turbina eolica ad elio per i venti d’alta quota

Paoblog.net

Il gigante delle telecomunicazioni giapponese SoftBank investe 7 milioni di dollari nella startup Altaeros Energies, che ha sviluppato una turbina eolica ad elio.

L’invenzione si presenta come un piccolo dirigibile, e galleggia più di un migliaio di metri di quota.

Una-turbina-eolica-ad-elio-per-i-venti-dalta-quota

Il suo nome è “Buoyant Airborne Turbine” o BAT. Il Ceo di Softbank, Masayoshi Son – l’uomo più ricco del Giappone – si interessa sempre di più a tecnologie di generazione energetica pulite ed efficienti, e sembra intenzionato a sviluppare nel suo Paese nuovi sistemi energetici a seguito del disastro nucleare di Fukushima.

L’idea alla base delle turbine eoliche di alta quota è che il vento che soffia tra 1.000 e 2.000 metri da terra è molto più intenso e costante dei venti che arrivano al suolo.

La turbina Altaeros dovrebbe essere in grado, secondo i progettisti, di generare più del doppio dell’energia rispetto a una turbina della stessa dimensione…

View original post 53 altre parole

Reflui del fracking nelle falde californiane

Paoblog.net

acquaLa California è in preda a una siccità senza precedenti, e il governatore Jerry Brown le sta tentando tutte per far uscire il suo Paese dall’emergenza.

Ma nessuno si aspettava che cascasse nella trappola del fracking.

Per un ambientalista dichiarato come Brown è un passo falso clamoroso: dopo aver spinto i water bond, spendendo gran parte del denaro con cui doveva finanziare la campagna elettorale, ora la NBC pubblica la notizia che il suo governo ha permesso alle compagnie petrolifere di pompare le acque reflue del fracking nelle falde sotterranee dalle parti di Bakersfield.

Le sostanze chimiche che tipicamente vengono utilizzate per la fratturazione idraulica, si mescoleranno alle acque di falda che finiscono nei rubinetti dei cittadini e servono per irrigare i campi.

(N.d.P. > A questo proposito ti suggerisco la lettura di questo post: Fracking: nemico del clima e bolla speculativa)

Eppure una simile pratica…

View original post 29 altre parole

In Val Padana la nebbia si dimezza

OggiScienza

3242281944_21a296e820_zAMBIENTE – Dai primi anni Novanta a oggi gli episodi di nebbia in Val Padana sono diminuiti del 47%, quasi dimezzati. E contemporaneamente è calato drasticamente il livello degli inquinati contenuti nelle gocce di nebbia e si è ridotta di ben 10 volte l’acidità. Questi dati sono stati recentemente diffusi da uno studio condotto dall’Istituto di Scienza dell’Atmosfera e del Clima del Cnr di Bologna e pubblicato sulla rivista Atmospheric Environment.
Il brutto della nebbia non riguarda esclusivamente i problemi legati ai trasporti e alla mobilità a causa dell’alta concentrazione di minuscole goccioline di acqua che riducono la visibilità, ma soprattutto il grado di inquinamento delle zone colpite. È proprio per il suo alto tasso di nebbia che la pianura padana – “perfetta” per la sua conformazione, che favorisce la stagnazione dell’aria intrappolando gli inquinanti nei bassi strati dell’atmosfera – è una delle zone più inquinate d’Europa.
In…

View original post 351 altre parole